Giovedì, 05 Novembre 2015 15:47

Guarda quello che ti fa più paura e vai in quella direzione

Gli ultimi due giorni ho partecipato al World Business Forum. Un contenitore di persone geniali, imprenditori, scrittori, ricercatori, pionieri, dove il tema era “Story Maker”. Personaggi come Sir Richard Branson, Seth Godin, Davide Oldani, Sarah Lewis e tanti altri. Da tutti ho preso tanti spunti d’ispirazione, tanti, tanti.

Quella che mi ha impattato immediatamente, è: guarda quello che ti fa più paura e vai in quella direzione.

GUARDA QUELLO CHE TI FA PIU’ PAURA E VAI IN QUELLA DIREZIONE.

Il comune denominatore di tutti era che il futuro è incerto, niente si può ormai prevedere. Quindi applica più che mai la famosa frase di Charles Darwin “non sopravvive la specie più forte, ne la più intelligente, ma quella che più si adatta ai cambiamenti”.

I cambiamenti ci sono tutti i giorni e ci saranno sempre di più.

MAAAA, se noi siamo chiari nei nostri intenti, i cambiamenti riusciamo a “surfarli” meglio.

Non so come spiegarvi l’intento per come lo sento e intendo io.

L’intento per me è un meta, obiettivo, un concetto, un qualcosa che io vorrei ma che do in mano a qualcosa molto più grande di me per aiutarmi ad averla, a sentirla, a esserla.

La mia tanto amata etimologia dice che viene dal latino intendĕre ‘‘tendere verso, mirare a’’.

Poi, i nostri obiettivi sono contenuti in quell’intento.

Gli ultimi due mesi il mio intento è la DIREZIONE.

Mi trovo in un bellissimo momento della mia vita dove devo fare delle scelte. Scelte sulla strada da prendere professionalmente. So che qualsiasi strada sceglierò andrà benissimo ma proprio per quello devo scegliere bene. Perché dedicherò la mia energia e il mio tempo lì.

E ieri…BOOM!

Quando ascoltai quelle parole da Steven Kotler, mi sono arrivate come “un balde de agua fria” come si dice in Perú, un secchio di acqua gelida!

Certo! In fondo, in fondo, sapevo quale era la direzione che volevo prendere, ma avevo PAURA di prenderla perché avevo paura delle conseguenze.

L’ennesima paura che pensavi di aver superato e poi ti si presenta quando meno te l’aspetti.

La paura si gestisce. E in questo caso la gestirò e sconfiggerò la paura che finora mi ha frenato. Sono pronta!

Volevo fare un articolo corto e veloce, ma una cosa porta l’altra, e l’altra e l’altra.

Vorrei che tu ti metti in tasca due cose, ma per piacere fallo:

$11.   Focalizzati sul tuo intento. L’intento cambia spesso, perché appena pensi a una, la crei e poi passerai al prossimo. Benissimo, si chiama vita questo! Si chiama magia! Si chiama prenderti cura di te stesso, di te stessa. Di amarti, rispettarti, coccolarti.

L’intento va oltre te, non dev’essere una cosa impegnativa, pesante. Chiedila con un senso di arresa, di “pensaci tu perché in questo momento devo pensare ad altre cose ma lo voglio”, e tienilo presente, sempre!

$12.   Pensa a quello che ti fa più paura e vai in quella direzione. E immagino sai a che tipo di cose e paure mi riferisco. Non di certo a cose tipo buttarti da un precipizio!

Intendo quelle cose che non ti concedi perché hai paura. Quello che non dici perché hai paura, quello che non indossi, che non chiedi, che non fai.

Vai nella direzione che vuoi tu, così finisci dove vuoi finire tu!

Spero di incontrarti in quella strada CREANDO TE STESSA/O!

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.